Home » Bricolage » La stanza di Desy » Due pallet per un tavolino
La-stanza-di-desy-decorazione-creatività
Bricoliamo.com

La stanza di Desy

Due pallet per un tavolino

riciclo pallet

Irene Urru

A cura di Irene Urru

Quello che andiamo a raccontare è il riciclo di due bancali, o pallet che dir si voglia, che abbiamo trasformato in un tavolino da appoggio da mettere davanti al divano.

I due bancali li abbiamo trovati tra i rifiuti differenziati di un’azienda, subito abbiamo capito che non potevamo abbandonarli al loro destino.

L’idea di base è stata quella di mantenere l’aspetto rozzo del pallet, con i suoi buchi e le sue imperfezioni. In ogni caso la prima operazione è stata, con una levigatrice, una bella passata in modo da togliere tutte le pericolose schegge rendendo uniforme la superficie del legno.

Volendo mantenere l’aspetto rozzo del bancale ci siamo limitati a rimuovere con cura la polvere creata dalla levigatura, senza però intervenire in alcun modo con lo stucco per livellare buchi e imperfezioni. Operazione che voi dovrete fare se, al contrario, volete un risultato perfettamente liscio e omogeneo. A voi la scelta.

La finitura a smalto

A questo punto ci siamo posti il problema della finitura e, essendo i bancali piuttosto rovinati, abbiamo deciso di optare verso uno smalto e non verso un impregnante. Tuttavia non volevamo, proprio per mantenere l’aspetto rozzo, una finitura troppo coprente.

Abbiamo quindi aggiunto un po’ di colorante allo smalto bianco, fino ad ottenere la tonalità di giallo che avevamo in mente: un giallo molto tenue. Come colorante abbiamo usato dei microgranuli, come vedete nel filmato,  ma vanno altrettanto bene i normali coloranti liquidi.

Con questo smalto giallo molto tenue, abbiamo potuto coprire le parti più brutte e macchiate del pallet senza però snaturare le imperfezioni del legno.

A questo punto ci siamo posti il problema della tecnica da utilizzare per stendere lo smalto. Abbiamo fatto qualche prova e abbiamo visto che usando il pennello si otteneva una buona copertura ma con le inevitabili striature che il pennello lascia durante l’uso. Al contrario, quando abbiamo provato a dare lo smalto con un rullo di spugna lo abbiamo trovato perfettamente uniforme ma troppo coprente rispetto alla nostra idea iniziale.

Abbiamo quindi optato per stendere lo smalto a pennello “consumandolo” cioè passando contemporaneamente con un pezzetto di carta vetrata fine e un panno inumidito. In questo modo abbiamo ottenuto una finitura “disordinata” che lasciava trasparire il legno nella sua natura originale, donando però, al tempo stesso, una buona sensazione di lavoro finito.

Una volta asciutto lo smalto abbiamo passato una mano di vernice trasparente protettiva, in modo da prevenire gli inestetismi provocati da eventuali graffi o macchie.

Una volta asciutto il protettivo abbiamo applicato le ruote per poi unire i due bancali con la solita colla vinilica. Dopo 24 ore il nostro tavolino era pronto per entrare a far parte dell’arredo della casa.

I lettori più fedeli e attenti avranno notato la presenza sul tavolino delle ciotole porta candela in gesso che abbiamo raccontato in un tutorial loro dedicato.

ROTTA DI NAVIGAZIONE:



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *





Torna all'elenco degli articoli

Ricerca articoli

Bricoliamo ha un archivio di oltre 2000 articoli tra guide, tutorial, prove e consigli su giardinaggio e fai-da-te.
Utilizza la ricerca per trovare ciò che ti serve!