logo ten
Magazine DIY
per gli operatori
logo bricoliamo
Magazine DIY
per la famiglia
logo saga
SAGA
Informazione sul DIY in Italia

Era il 1876 quando il giovane ventottenne Friedrich “Fitz” Karl Henkel, insieme a due soci, fondò la Henkel & Cie ad Acquisgrana per produrre e commercializzare un detersivo universale a base di silicato.

Oggi Henkel nel settore dei detersivi si distingue con il marchio Dixan e ogni anno vende una quantità di detergenti pari circa a 25 miliardi di carichi di lavaggio.

Quello che però vogliamo mettere in evidenza con questo articolo è il centesimo compleanno della produzione di adesivi: quelli che normalmente utilizziamo per l’incollaggio di qualsiasi tipo di materiale, per qualsiasi progetto o semplicemente per le riparazioni in casa.

Come spesso accade tutto nacque dalla necessità di risolvere un problema: dopo la sconfitta della Germania nella Prima Guerra Mondiale, nelle zone del Reno e della Ruhr, prima demilitarizzate e poi occupate dalle truppe francesi e belghe, era molto difficile l’approvvigionamento di adesivi con cui chiudere le confezioni di detersivi che Henkel produceva a Düsseldorf.

Per risolvere questo problema, all’inizio del 1922, Henkel, nella cantina dell’edificio che ospitava il reparto imballaggio nel quartiere di Holthausen a Düsseldorf, iniziò a sviluppare e produrre in autonomia adesivi per l’incollaggio di carta e cartone: Sula (adesivo per carta), Desula (adesivo per cartone) e Buba (adesivo per pacchi). 

Nel primo anno furono prodotte in totale 123 tonnellate di adesivi per uso interno, avendo la possibilità di sperimentare direttamente l’efficacia e l’utilità di queste colle che, a distanza di un anno, nel 1923 vennero vendute per la prima volta alle aziende vicine.

Da quelle prime esperienze a capire che quello degli adesivi avrebbe potuto diventare un business importante per l’azienda il passo fu brevissimo. I primi prodotti realizzati e commercializzati, includevano le colle per imbianchini Mala e la pasta per tappezzieri Tapa (nella foto in alto), entrambe realizzate con farina di patate.

Cinque anni dopo, nel 1928, Henkel iniziò ad esportare adesivi verso i suoi vicini europei e nel 1929 espanse la sua portata in Australia e Sud America.

Grazie al nostro spirito pionieristico e alla forza innovativa – ha sottolineato Mark Dorn, Executive Vice President di Henkel Adhesive Technologies -, in questi 100 anni siamo diventati il più grande produttore globale di adesivi, sigillanti e rivestimenti funzionali, creando valore per oltre 100 mila clienti industriali e milioni di consumatori nel mondo. La nostra ambizione è ora quella di sviluppare soluzioni sempre più sostenibili per contribuire all’economia circolare e alla riduzione della CO2”.

Tra innovazione e sostenibilità

Lo spirito pionieristico di Henkel Adhesive Technologies si ritrova in molte delle innovazioni e dei brevetti che si sono susseguiti nel tempo. Nel 1969, ad esempio, ispirandosi al meccanismo della fuoriuscita dei rossetti da labbra, Henkel ha presentato Pritt, la prima colla stick al mondo.

Seguendo le logiche della sostenibilità e della tutela dell’ambiente, nel 1993, per la produzione della colla Pritt si passa dalle materie prime a base di petrolio a formule basate su amido di patate. Sette anni dopo, nel 2000, tutti gli stick Pritt contengono almeno il 90% di ingredienti naturali.

Nel 2001, Pritt ha ricevuto il sigillo di qualità “Space-Proof” ed è stata portata sulla Stazione Spaziale Internazionale.

Sempre in tema di tutela ambientale, nel 1988 Henkel ha realizzato la gamma di adesivi Loctite Purbond, consentendo a molti costruttori di utilizzare il legno al posto del cemento. Inoltre, Henkel è stata tra le prime aziende ad eliminare il toluene dagli adesivi, che può avere effetti tossici se utilizzato impropriamente.

Qualche curiosità

Gli adesivi Henkel hanno trovato applicazione anche in molte situazioni straordinarie.

Nel 1987, ad esempio, i prodotti Ceresit sono stati usati nel restauro della Grande Muraglia in Cina, mentre nel 2015 Henkel ha sviluppato un adesivo personalizzato per riattaccare la barba della maschera d’oro di Tutankhamon, danneggiata durante un intervento di pulizia.

Gli adesivi Henkel in Italia

In Italia, Henkel è presente con un ampio portafoglio di adesivi e soluzioni per l’industria attraverso i marchi Loctite, Bonderite, Technomelt, Teroson e Aquence. I marchi Pritt, Loctite, Ceresit e Pattex distinguono i prodotti per i consumatori, il fai-da-te e gli artigiani.

L’azienda ha due stabilimenti dedicati agli adesivi industriali: a Casarile (Milano) si producono poliammidi, resine epossidiche, siliconi e rivestimenti protettivi; a Zingonia (Bergamo) i prodotti base acqua e hotmelt.

Il sito di Caleppio di Settala (Milano) opera invece come application e product development center per lubrificanti, rivestimenti funzionali e tecnologie per il decapaggio.

Luglio 2023

ROTTA DI NAVIGAZIONE:

Vedi anche...

Ricerca

Bricoliamo ha un archivio di oltre 2000 articoli
tra guide, tutorial, prove e consigli su giardinaggio e fai-da-te.
Cerca ciò che ti serve!

Newsletter

logo newsletter
Iscriviti alla newsletter di Bricoliamo
logo pinterest Google News
Iscriviti cliccando sulla stellina "Segui"


Rispondi