logo ten
Magazine DIY
per gli operatori
logo bricoliamo
Magazine DIY
per la famiglia
logo saga
SAGA
Informazione sul DIY in Italia
umidità e consensa sul vetro

icona produzione Come fare

Aria troppo umida o aria troppo secca

a cura di Avatar photo

Il controllo del livello di umidità in casa è importante per prevenire problemi di salute soprattutto se la casa è abitata da bambini o soggetti deboli.

L’ideale per una casa salubre è mantenere un livello di umidità tra il 40% e il 60%. In inverno, con i riscaldamenti accesi, l’aria tende a seccarsi eccessivamente, scendendo al di sotto del 30%. Al contrario, durante i mesi estivi, l’umidità può aumentare considerevolmente, superando il 60%, creando un clima caldo e appiccicoso.

Un livello di umidità inferiore al 40% può causare secchezza delle mucose, irritazione degli occhi e della pelle, difficoltà respiratorie e aumento del rischio di allergie. Un livello di umidità superiore al 60%, invece, può favorire la proliferazione di muffe e batteri, causando problemi respiratori e allergie.

Metodi per capire il livello di umidità

Ci sono diversi modi per capire se l’aria di casa è troppo umida o troppo secca, alcuni empirici, ma immediati, e altri più scientifici con l’uso di un igrometro.

Osservazioni visive: un modo semplice per capire se l’aria di casa è troppo umida è osservare la presenza di condensa sui vetri o sulle superfici fredde. Se si vede la condensa, significa che l’aria è troppo umida e che c’è il rischio di formazione di muffe e batteri.

Sensazioni fisiche: un altro modo per capire se l’aria di casa è troppo umida o troppo secca è prestare attenzione alle proprie sensazioni fisiche. Se si sente la pelle secca o irritata, gli occhi arrossati o la difficoltà a respirare, significa che l’aria è troppo secca. Se si sente un senso di soffocamento o di fatica, significa che l’aria è troppo umida.

Utilizzo di un igrometro: Il modo più preciso per capire se l’aria di casa è troppo umida o troppo secca è utilizzare un igrometro. Un igrometro è un dispositivo che misura il livello di umidità dell’aria. Normalmente dotato di uno schermo, se digitale, o di una scala graduata ci indica con precisione il livello percentuale di umidità dell’aria.

È importante non posizionare l’igrometro negli angoli del locale dove si vuole rilevare il livello di umidità, ma al centro, mantenendolo inoltre a più di un metro di altezza.

Se si nota che l’aria di casa è troppo umida o troppo secca, è possibile intervenire per correggere il problema. Se l’aria è troppo umida, è possibile utilizzare un deumidificatore. Se l’aria è troppo secca, è possibile utilizzare un umidificatore. Delle caratteristiche di questi due apparecchi ne parliamo diffusamente in un altro articolo.

Consigli pratici

Ecco alcuni consigli per mantenere un livello di umidità ottimale negli ambienti interni:

  • Evitare di asciugare la biancheria all’interno della casa.
  • Tenere le finestre aperte per ventilare gli ambienti.
  • Tenere piante in casa che producono umidità, come le felci, il ficus, l’edera e la sansevieria.
  • In inverno, quando l’aria è secca a causa del riscaldamento, è importante utilizzare un umidificatore.
  • In estate, quando l’aria è umida a causa del caldo, è importante utilizzare un deumidificatore.

ROTTA DI NAVIGAZIONE:

Vedi anche...

Ricerca

Bricoliamo ha un archivio di oltre 2000 articoli
tra guide, tutorial, prove e consigli su giardinaggio e fai-da-te.
Cerca ciò che ti serve!

Newsletter

logo newsletter
Iscriviti alla newsletter di Bricoliamo
logo pinterest Google News
Iscriviti cliccando sulla stellina "Segui"

Rispondi