Home » Rotocalco » Notizie » Bonus acqua potabile. Come ottenerlo
Bricoliamo.com

Notizie

Bonus acqua potabile. Come ottenerlo

bicchiere d'acqua minerale

Con la pubblicazione del 16 giugno 2021, da parte della Agenzia delle Entrate, del Provvedimento (Prot. N. 153000/2021) relativo al cosiddetto, Bonus Acqua Potabile abbiamo la concreta possibilità di richiedere un credito d’imposta del 50% delle spese sostenute tra il 1° gennaio 2021 e il 31 dicembre 2022 per l’acquisto e l’installazione di sistemi di filtraggio, mineralizzazione, raffreddamento e/o addizione di anidride carbonica alimentare E290, per il miglioramento qualitativo delle acque destinate al consumo umano erogate da acquedotti.

Gli obbiettivi di questo provvedimento sono orientati alla razionalizzazione dell’uso dell’acqua e alla riduzione del consumo di contenitori in plastica.

I fondi a disposizione per l’applicazione del Bonus Acqua Potabile ammontano a 5 milioni di euro per ciascun anno.

L’importo massimo su cui calcolare l’agevolazione è fissato a 1.000 euro per ciascun immobile, per le persone fisiche e a 5.000 euro per ogni immobile adibito alle attività professionali (commercio, artigianato, industria e enti non commerciali).

COME OTTENERE IL BONUS ACQUA POTABILE

Dal 1° al 28 febbraio dell’anno successivo a quello del sostenimento delle spese oggetto di bonus, si deve comunicare all’Agenzia delle Entrate, per via telematica (e solo per via telematica tramite il sito web dell’Agenzia) l’ammontare delle spese ammissibili.

In particolare, occorre scaricare dal sito dell’Agenzia un apposito modello (“Comunicazione delle spese per il miglioramento dell’acqua potabile”) e compilarlo in ogni sua parte.

L’importo delle spese sostenute deve essere documentato tramite fattura elettronica o documento commerciale in cui è riportato il codice fiscale di chi richiede il credito.

Una volta inviata per via telematica la richiesta all’Agenzia delle Entrate, entro 5 giorni lavorativi si potrà ritirare, sempre telematicamente, la ricevuta che attesta la presa in carico della pratica, oppure il respingimento, con l’indicazione delle relative motivazioni.

Una volta ottenuta la ricevuta di presa in carico, si potrà utilizzare il credito d’imposta previsto dal Bonus Acqua Potabile, nella dichiarazione dei redditi relativa al periodo d’imposta relativo a quello delle spese agevolabili.

Giugno 2021

IN ATTESA DEL BONUS IDRICO

Dopo la buona notizia del Bonus Acqua Potabile, non possiamo concludere omettendo che il Bonus Idrico (sanitari e rubinetteria), dopo averlo approvato e inserito nella Legge di Bilancio 2021, non può ancora essere utilizzato (giugno 2021) per la mancanza di un decreto attuativo che regolamenti come poterlo richiedere.

Il decreto attuativo che consentirebbe l’accesso dei cittadini al Bonus per il Risparmio Idrico avrebbe dovuto essere approntato, dal Ministero per l’Ambiente (oggi Minstero per la Transizione Ecologica) entro 60 giorni dalla pubblicazione della Legge, quindi entro il 2 marzo 2021.

ROTTA DI NAVIGAZIONE:



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.





Torna all'elenco degli articoli

Ricerca articoli

Bricoliamo ha un archivio di oltre 2000 articoli tra guide, tutorial, prove e consigli su giardinaggio e fai-da-te.
Utilizza la ricerca per trovare ciò che ti serve!