L’INTERNET

L’INTERNET

Grazie alla sua capacità di
penetrazione nelle economie e nelle società industrializzate internet,
in quanto rete, ha sicuramente già da questi primi anni del 2000
conquistato un posto nel mercato della comunicazione e dell’informazione,
affiancandosi, in quanto media, alla carta stampata, alla radio e alla
televisione, sia essa analogica o digitale. Almeno concettualmente, o,
meglio ancora, almeno in quanto rete, che, tutto sommato è l’unico vero
elemento da cui non si può prescindere. Allo stesso modo l’editoria
cartacea non può prescindere dalla filiera costituita dalle cartiere,
dalle tipografie e dalle edicole, per la produzione e la distribuzione
del proprio prodotto. Così come radio e televisioni hanno nei tralicci,
nelle antenne oppure oggi nel satellite e nel cavo, la propria rete su
cui veicolare ciascuno la propria proposta, commerciale, informativa,
sociale, ecc., così internet non è altro che una gigantesca rete elettronica in grado di unire e di far dialogare tutti i computer esistenti al mondo.

Internet è quindi un medium.
Un medium che, come mai altri in precedenza, si concede a chiunque
voglia comunicare qualcosa: il fenomeno dei siti e portali cosiddetti amatoriali
ha assunto in internet dimensioni assolutamente importanti. I costi
richiesti da internet per sviluppare la propria voglia o esigenza di
comunicare sono ridicoli (con circa 30 euro si acquista il dominio
desiderato e con una minima, anche approssimativa, conoscenza di html
si può mettere in rete il proprio sito e quindi la propria proposta
comunicazionale). Nulla a che vedere con i costi richiesti dagli altri
media. Naturalmente i siti e i portali che nascono e crescono con il
lavoro quotidiano di un gruppo di professionisti devono, e sottolineo
devono essere diversi dai siti e portali amatoriali organizzati da un
gruppo di amici più o meno virtuali. Ma non sempre è così.

Come ho già avuto modo di sottolineare internet, contrariamente alla
televisione satellitare, è già un medium che può vantare un proprio pubblico
e numeri di tutto rispetto. Dell’importanza e delle dimensioni di
questo medium se ne sono accorti ormai quasi tutti: lo sanno i giovani,
che in internet vivono momenti di gioco, di studio, di comunicazione
(chat e forum), di ricerca e di risparmio; lo sanno le segretarie che
con internet possono prenotare i viaggi del capo praticamente in tempo
reale, pagare le bollette e le multe (sempre del capo) direttamente dal
proprio computer evitando le lunghe code alla posta e scambiarsi file e
documenti con gli altri colleghi o con i clienti e i fornitori,
velocemente e soprattutto avendo la possibilità, quando serve, di
intervenire sul documento stesso con correzioni o variazioni o aggiunte
(aspetto che chi lavora sa quanto sia importante e quanto il vecchio
fax non consentisse proprio); lo sanno i contabili, che tramite il
collegamento on line con la propria banca hanno la possibilità di
verificare gli andamenti dei conti correnti, l’arrivo di sospirati
bonifici da parte dei clienti, e di ordinare pagamenti, giri di conto
ed effettuare essi stessi bonifici bancari.

Secondo un’indagine Kpmg
i conti on line in Italia, già nei primi sei mesi del 2003 erano saliti
a 5,2 milioni (a fine 2002 erano 4 milioni) pari a circa il 15% del
totale dei conti correnti bancari. Di questi 1,7 milioni sono stati
aperti on line senza la necessità di doversi recare allo sportello
della banca. Una tendenza che, come osserva Kpmg, permette agli
Istituti di credito di ottenere un duplice obbiettivo: da un lato fidelizzare la clientela
più esigente e alla ricerca di soluzioni innovative e dall’altro
ridurre i costi operativi destinando all’on line bonifici ed estratti
conto e liberando così forza lavoro a favore delle attività consulenziali.

Chi non si è ancora accorto dell’importanza e delle dimensioni di
questo medium sono proprio quelle categorie che più di altre potrebbero
trarne beneficio. Non se ne sono accorti tanti imprenditori, non se ne sono accorti tanti dirigenti e, peggio che mai, non se ne sono accorti tanti manager
della comunicazione. Eppure internet è ormai un fenomeno
straordinariamente evidente, a disposizione di tutti e alla portata di
tutti. Conoscerlo sarebbe molto semplice, sarebbe sufficiente
entrarci e cominciare a perlustrarlo. Invece no. Si preferisce rimanere
nell’ignoranza perdendo così opportunità e tempo. Già perché la rete,
sorretta dal pubblico, dalle famiglie, dai consumatori, dagli
impiegati, dalle segretarie e dai giovani continuerà nella sua marcia
inesorabile e alla fine anche il più pigro dei manager dovrà
rassegnarsi o ad andare in pensione o a prendere in considerazione, in
seria considerazione internet.

Già, perché non conoscere internet e nemmeno preoccuparsi di conoscerlo non è sintomo di stupidità, bensì di pura pigrizia.
Conosco persone di grande intelligenza e di grande acume intellettuale
che si rifiutano, spesso senza riuscire a spiegare il motivo nemmeno a
se stessi, di avvicinarsi alla tastiera del computer e di impugnare il
mouse per entrare nella rete. Lo stesso successe al telefono cellulare
nei suoi primi anni di espansione in Italia e lo stesso in parte
succede ancora per l’uso della messaggistica sms.

Harold Bloom, grande storico della letteratura, pare abbia detto: “per me internet è come il Congo: so che esiste ma non ci andrò mai“.
In realtà Harold Bloom in internet c’è, eccome. Provate a chiedere a
Google di fare una ricerca sul famoso critico, troverete 423.000 pagine
internazionali in cui si parla di Bloom e 3.240 pagine in cui se ne
parla nella sola lingua italiana. Questo è un fatto, ma ciò non
significa che Bloom sia uno stupido, significa semplicemente che ha
detto una cosa stupida, probabilmente dettata dalla pigrizia di
conoscere una cosa nuova. A chi non succede? E’ noto che la differenza
tra un genio e uno stupido è che il genio ha dei limiti.

L’internet italiano è quindi piuttosto indietro a causa, in primo
luogo, della già citata pigrizia dei manager nostrani a studiare e
conoscere le potenzialità del nuovo medium. In uno slancio di
obbiettiva comprensione voglio affiancare alla pigrizia un comprensibile timore
dettato dai fatti che hanno caratterizzato la storia di internet in
Italia. C’è stato un momento, nella seconda metà degli anni ’90 che
internet sembrava poter essere la panacea di tutti i mali: grandi
investimenti, nascita di aziende con molte decine, se non centinaia di
dipendenti (naturalmente “dipendenti” si fa per dire), quotazioni in
borsa. Tutti dovevano essere in internet, anche con un sito fetente e
insignificante da un punto di vista comunicazionale, ma bisognava
esserci. Non essere su internet sembrava significare non esistere
(alcuni giornali hanno anche titolato degli articoli con questi toni).
Un grande fenomeno che in realtà si rivelò una gigantesca bolla speculativa
e, come tutte le bolle, a un certo punto è scoppiata. Qualcuno ha fatto
i soldi, molti soldi, la maggioranza ha dovuto invece capire che
“giocare in borsa” è un modo di dire, in realtà si lavora. I primi anni
del nuovo millennio per l’internet italiano furono quindi un vero massacro:
licenziamenti, chiusura di aziende, sparizione di portali che avrebbero
dovuto garantire fama e denaro, tutto si ridimensionò e rimasero sul
mercato solo gli operatori seri (in realtà esistono ancora
infiltrazioni di cialtroni ma queste credo appartengano alla fisiologia
dell’arte italiana dell’arrangiarsi a scapito del prossimo). Nel
frattempo però maturò una sfiducia nel medium francamente
comprensibile. Una sfiducia che probabilmente sarà completamente
debellata solo nel secondo lustro del primo decennio 2000.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *



Questo articolo ti è stato utile o potrebbe essere utile ai tuoi amici? Condividilo!

Torna all'elenco degli articoli

ricerca-articoli Ricerca articoli

Bricoliamo ha un archivio di oltre 2000 articoli tra guide, tutorial, prove e consigli su giardinaggio e fai-da-te.
Utilizza la ricerca per trovare ciò che ti serve!