ADIEU CASTORAMA ITALIA?

ADIEU CASTORAMA ITALIA?

Sono ormai diverse settimane che tutti gli operatori italiani del mercato del bricolage rumoreggiano intorno a voci, sentiti dire e certezze più o meno realistiche riguardanti il passaggio di Castorama Italia, e forse anche Polonia, dalla attuale Kingfisher, la società leader in Europa nella distribuzione specializzata nel bricolage, ad altra proprietà. La notizia è di quelle importanti e non potevamo lasciarla cadere nell’oblio dell’agosto vacanziero senza aver fatto il punto, quanto meno, di quelle che sono le informazioni che ci sono pervenute da più fonti, tutte assolutamente accreditate.

La notizia che pare più certa riguarda la decisione di Kingfisher di liberarsi di Castorama Italia. Le vendite di Kingfisher nelle ultime dieci settimane, fino al 12 luglio hanno segnato una battuta d’arresto con un calo dell’1,5% a parità di perimetro e a cambi costanti. Le vendite totali invece crescono del 4,4%, con qualche segno di recupero sul mercato britannico, grazie alla stagionalità. Negli altri mercati si registra una crescita del 3,9%, grazie al buon andamento degli affari in Francia e Polonia e a dispetto della frenata in Cina.

In termini generali gli operatori più attenti ci parlano di un momento non particolarmente felice per il colosso del bricolage e il disegno di mettere sul mercato Castorama Italia potrebbe essere un buon modo per far entrare nelle casse un significativo flusso di liquidità fresca. Si parlerebbe ovviamente di diverse centinaia di milioni di euro.

In più si deve considerare che Castorama Italia non sta riscuotendo grandi successi e le difficoltà del momento si sono evidenziate negli scorsi mesi con l’allontanamento, in taluni casi richiesto e in altri spontaneo, di molti dirigenti. Troppi perché non fosse lecito pensare che qualcosa stesse bollendo in pentola.

In ogni caso da Castorama Italia non arriva nessuna conferma della notizia, tuttavia non c’è stata al momento nessuna smentita ufficiale. Riproveremo a chiedere lumi sulla vicenda, martedì 29 prossimo in occasione della presentazione a Milano del nuovo format cittadino di Castorama Italia: Deco City.

Il quesito su cui il mercato si sta interrogando riguarda il compratore. Molte e sempre più insistenti sono le voci che indicano OBI, l’insegna dalle radici tedesche che nel suo sviluppo internazionale ha però sempre preferito spostarsi verso l’est Europa, con l’unica eccezione dell’Italia e una previsione di apertura nel 2009 in Grecia. Sia dalla sede italiana di OBI che da quella tedesca l’operazione di acquisizione di Castorama Italia non viene confermata, ma al momento nemmeno smentita ufficialmente.

In alternativa i rumors del mercato parlano di Leroy Merlin (Gruppo Adeo), la grande insegna francese che contrariamente a OBI ha prestato sempre una grande attenzione ai mercati dell’ovest e del sud Europa (Francia, Italia, Spagna, Portogallo e Grecia).  Se così fosse il Gruppo Adeo si ritroverebbe in Italia in una posizione di indiscussa leadership, potendo contare sulle insegne Leroy Merlin, BricoCenter, Bricoman (di prossima apertura) e Castorama appunto.

Esistono infine altre due opzioni che, a onor del vero ci paiono assai meno probabili delle precedenti: la prima riguarderebbe Coop Italia, già presente, con Unicop Firenze in BBC, in società con OBI per la gestione dell’insegna tedesca in Italia e la seconda addirittura Wall Mart, il cui interesse per il mercato del bricolage è ormai da considerare come un dato di fatto se si considera l’ampliamento dei propri reparti dedicati proprio ai prodotti per il fai da te.

Al momento non ci sono certezze, ma se dovessimo fare come si usa nella campagna acquisti dei campioni del pallone, dovremmo dire che Castorama Italia è ormai al 70% di OBI, al 20% di Leroy Merlin e il restante 10% comprende le improbabili ipotesi Coop Italia e Wall Mart. Probabilmente dovremo aspettare il ritorno dalle vacanze estive per avere notizie certe e confermate, nel frattempo tra gli operatori continua il totoCastorama.

Bricoliamo.com è naturalmente a disposizione di chiunque voglia fare chiarezza trasformando il “rumore” in informazione.

Luglio 2008

ROTTA DI NAVIGAZIONE:

LE GRANDI INSEGNE: OBI TRA SUCCESSI COMMERCIALI, SOLIDARIETA’ E TUTELA DELL’AMBIENTE

LE GRANDI INSEGNE: CASTORAMA, UN GIGANTE A MISURA D’UOMO

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *



Questo articolo ti è stato utile o potrebbe essere utile ai tuoi amici? Condividilo!

Torna all'elenco degli articoli

ricerca-articoli Ricerca articoli

Bricoliamo ha un archivio di oltre 2000 articoli tra guide, tutorial, prove e consigli su giardinaggio e fai-da-te.
Utilizza la ricerca per trovare ciò che ti serve!