Search form

Ferexpo ultimo atto

ferexpo-fine-a
Questo articolo ti è stato utile o potrebbe essere utile ai tuoi amici? Condividilo!

La Fiera della ferramenta di Bergamo, Ferexpo,  che nello scorso mese di settembre ha tenuto la sua seconda edizione chiude i battenti e non si ripresenterà nel prossimo 2015. Lo ha annunciato Camilla Galimberti nell’editoriale di ottobre della rivista Ferramenta 2000, partner dell’evento.

Nel nostro articolo di commento alla edizione 2014 appena conclusa avevamo titolato “Ferexpo stenta a decollare”, ora sappiamo che stenta a tal punto da non decollare proprio: d’altro canto 60 espositori e 1.500 visitatori (questi sono i numeri dichiarati) sono davvero un po’ pochini per poter programmare un soddisfacente futuro, per gli organizzatori e per il mercato.

E’ un annuncio questo che facciamo con un certo dispiacere perché siamo convinti che il comparto della ferramenta meriti una propria manifestazione fieristica importante e italiana, tuttavia sappiamo anche quanto sia difficile e impegnativa l’organizzazione di una fiera che vuole coinvolgere gli imprenditori del commercio italiano di ferramenta. D’altro canto stiamo parlando di un comparto in cui i negozi nel 40% dei casi non superano i 100 metri quadrati (nel 20% dei casi non superano i 50), mentre solo un 20% supera i 150 mq. Negozi per lo più a conduzione familiare che nel 50% dei casi può contare su 1 o 2 addetti e solo per una quota del 10% ha uno staff superiore ai 6 addetti.

E’ evidente che per questa realtà distributiva lasciare il negozio per visitare una fiera non è semplice e l’organizzazione dell’uscita del titolare per una giornata deve essere giustificata da un motivo importante e di forte interesse. Quel forte interesse che evidentemente Ferexpo non è riuscito a creare.

Il risultato è che Ferexpo nel 2015 certamente non lo rivedremo. L’accordo che diede il via alla manifestazione tra Promoberg e Ferramenta 2000 non è stato rinnovato quindi ognuno riprende il proprio cammino sulla propria strada. In questo senso ci consentiamo qualche considerazione non avvallata da fatti o posizioni concrete (abbiamo contattato la Fiera di Bergamo che però non ha voluto rilasciare dichiarazioni in merito), ma solamente dal nostro intuito e dalla nostra esperienza.

La fine di Ferexpo sicuramente riguarderà Ferramenta 2000, che lo ha dichiarato nell’editoriale che abbiamo citato all’inizio dell’articolo, però non siamo altrettanto certi che l’esperienza relativa all’organizzazione di una fiera per le ferramenta sia davvero conclusa per la Fiera di Bergamo, che potrebbe riproporsi l’anno prossimo con un’altra veste e un altro assetto organizzativo. Tutto sommato l’Ente fieristico ha investito in questi due anni risorse umane ed economiche in un progetto in cui crede da anni e su cui ha puntato molto: abbandonarlo dopo solo due edizioni, peraltro organizzate con contenuti non perfettamente convincenti, potrebbe essere ritenuto poco opportuno. Una prova d’appello, in una logica di profondo rinnovamento, potrebbe essere, secondo il nostro punto di vista, addirittura doverosa. Molto impegnativa, ma doverosa.

In più dobbiamo tenere in considerazione il fatto che l’uscita di Ferramenta 2000 dalla scena potrebbe far ritornare di attualità quel tavolo, auspicato da Bergamo (vedi l’intervista a Promoberg nella Rotta di Navigazione), con il Bricoday (organizzato dalla EPE, casa editrice concorrente di Ferramenta 2000) e la Fiera di Colonia, che nel frattempo hanno siglato un accordo per aprire l’evento settembrino del bricolage anche alla ferramenta. Un accordo che, pur se presentato ufficialmente nello scorso Bricoday, già sentiamo scricchiolare per l’insorgere di qualche divergenza tra i protagonisti in merito alle modalità organizzative e di format dell’evento . Ma questi sono solo rumor e in quanto tali vanno interpretati.

Insomma ci sono vari motivi che ci inducono a pensare che la Fiera di Bergamo non abbia ne la voglia, ne la volontà di abbandonare il progetto di una fiera per le ferramenta. Per avere qualche certezza dobbiamo attendere che la Fiera di Bergamo rilasci una dichiarazione ufficiale in merito; dichiarazione ufficiale che potrebbe ampiamente smentire quelle che sono le nostre sensazioni del momento. Staremo a vedere. Noi di Bricoliamo ovviamente vi terremo informati su qualsiasi nuovo sviluppo.

Nella foto: il particolare dello struggente dipinto di Frants Henningsen (1888) che rappresenta il tema dell’abbandono.

Ottobre 2014

ROTTA DI NAVIGAZIONE:


Questo articolo ti è stato utile o potrebbe essere utile ai tuoi amici? Condividilo!

Torna all'elenco degli articoli

ricerca-articoli Ricerca articoli

Bricoliamo ha un archivio di oltre 2000 articoli tra guide, tutorial, prove e consigli su giardinaggio e fai-da-te.
Utilizza la ricerca per trovare ciò che ti serve!

© 2005 - 2016

Testata giornalistica iscritta al n.1/14 Registro Stampa del Tribunale di Pavia con provv. del Presidente del Tribunale 21 luglio 2014. - Dir. Resp. Mauro Milani
SAGA sas P.I.0142366495