Bricoliamo.com

IL PROGRAMMA SPINOSA: NO AL COMMERCIO ILLEGALE, SI ALLA RIPRODUZIONE REGOLAMENTATA DI CACTUS

Questo articolo è utile o potrebbe essere utile ai tuoi amici? Condividilo!

IL PROGRAMMA SPINOSA: NO AL COMMERCIO ILLEGALE, SI ALLA RIPRODUZIONE REGOLAMENTATA DI CACTUS

L’iniziativa è partita dalla ABC, Associazione per la Biodiversità e la sua Conservazione, che ha messo a fuoco una problematica specifica legata alla produzione e al commercio di piante rare, in particolare cactus e piante grasse. Il problema parte dagli interessi economici che nel tempo si sono creati intorno alle piante rare da collezione: commercianti internazionali senza scrupoli commissionano la raccolta di esemplari di grandi dimensioni, appartenenti alle specie più rare e a rischio di estinzione, provocando danni incalcolabili alle popolazioni naturali di piante. Per combattere questa vera e propria forma di criminalità le Nazioni Unite hanno promulgato, nel 1973, la Convenzione sul Commercio Internazionale delle specie di animali e piante raccolte in natura (CITES), a cui l’Italia ha aderito già nel 1979.

Il compito primario della CITES è quello di proteggere le specie in via di estinzione, controllarne il commercio internazionale e combattere il commercio illegale. In una logica di prevenzione del problema, originariamente la CITES aveva anche il compito di incentivare la propagazione artificiale da parte di vivaisti autorizzati, in modo da abbattere la richiesta di piante rare da parte del mercato.

In realtà la CITES in Italia, se sicuramente ha contribuito a ridimensionare il commercio illegale di piante rare, non ha invece attivato alcuna azione per incentivare la propagazione artificiale presso vivaisti qualificati e autorizzati. Anzi ha promulgato leggi di difficile interpretazione e attivato una burocrazia macchinosa e di complessa applicazione, che comporta, peraltro, spese amministrative notevoli. Un atteggiamento che certamente disincentiva i vivaisti a lavorare sulla propagazione di piante rare, col risultato di un deleterio aumento dell’interesse da parte dei collezionisti per le piante raccolte in natura.

Il Programma Spinosa dell’Associazione per la Biodiversità e la sua Conservazione intende sostenere l’attività dei vivaisti che vogliono svolgere la propria professione nella piena osservanza della legge, operando, contemporaneamente, una sensibilizzazione dell’opinione pubblica sul problema delle regolamentazioni CITES. Il primo passo è stato l’allestimento di un sito internet che contiene una parte informativa per il grande pubblico degli amanti delle piante sul significato della CITES e una serie di suggerimenti su come acquistare le piante nel rispetto della normativa. Per gli operatori sono invece disponibili documenti e note informative su come svolgere la loro attività in ottemperanza alle regolamentazioni vigenti.

Settembre 2007

ROTTA DI NAVIGAZIONE:

LA CITES E IL TRAFFICO ILLEGALE DI PIANTE E ANIMALI

IL SITO DEL PROGRAMMA “SPINOSA”

ABC. ASSOCIAZIONE PER LA BIODIVERSITA’ E LA SUA CONSERVAZIONE

CITES

CORPO FORESTALE DELLO STATO – CITES ITALIA

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *




Torna all'elenco degli articoli

ricerca-articoli Ricerca articoli

Bricoliamo ha un archivio di oltre 2000 articoli tra guide, tutorial, prove e consigli su giardinaggio e fai-da-te.
Utilizza la ricerca per trovare ciò che ti serve!