Bricoliamo.com

PORTE APERTE 2011 DEL FLOROVIVAISMO MARSALESE

Questo articolo è utile o potrebbe essere utile ai tuoi amici? Condividilo!

Alla metà del mese di novembre si è tenuta, a Marsala, la 13° edizione delle Porte Aperte del florovivaismo marsalese. I migliori produttori di fiori e piante mediterranee hanno presentato le loro aziende e le loro produzioni ad un pubblico di operatori e compratori invitati per l’occasione in una Marsala ancora baciata da uno splendido sole, da una temperatura assolutamente mite, anche se, a tratti, nel corso delle tre giornate di durata dell’evento, “scompigliata” da un vento piuttosto prepotente (potrete apprezzarlo anche guardando il filmato che abbiamo realizzato nel cortile del Complesso Monumentale San Pietro, a Marsala, dove è stata allestita “L’Isola Giardino”, con stand dei maggiori vivaisti siciliani).

Al di là della qualità e della bellezza delle produzioni e dei vivai che abbiamo avuto modo di visitare e che potete apprezzare con le foto e i filmati che abbiamo realizzato (non solo quest’anno ma anche durante l’edizione 2009) e che trovate linkati nella Rotta di Navigazione, quello che riteniamo importante sottolineare è il percorso che i florovivaisti marsalesi sono riusciti a compiere dalla prima all’ultima e 13° edizione della loro Porte Aperte. Era il 1975 quando Arturo Croci e Valter Pironi, due tra i più accreditati esperti di florovivaismo che abbiamo in Italia, incontrarono, al Flormart di Padova, i marsalesi Rino Bonomo, ex responsabile della sezione operativa dell’ESA (ora in pensione) e Michele Canale, noto florovivaista della zona (entrambe premiati con l’ambito riconoscimento del Garofano d’Argento di Giarre). Fu da quell’incontro e dalla fusione virtuosa di conoscenze ed esperienze di questi quattro protagonisti che nacquero le Porte Aperte del florovivaismo marsalese prima, l’Associazione dei floroviaisti marsalesi poi e infine, proprio quest’anno l’Associazione regionale dei florovivaisti siciliani che comprende, oltre all’associazione marsalese anche quelle di Milazzo, Catania e Siracusa.

Un passaggio importante quello tra la dimensione frammentata e locale a quella strutturata e regionale, in quanto, tra l’altro, consente di avere un dialogo più organico e diretto con l’amministrazione della Regione Sicilia sulle problematiche di un settore, quello del florovivaismo, che ha ancora molte questioni aperte e da risolvere. Prima tra tutte quella della logistica, che attualmente ha costi troppo elevati per poter rendere competitivo il prodotto siciliano rispetto a quello non solo delle altre regioni italiane ma anche degli altri Paesi europei.

In tale contesto non è ovviamente un caso se questa 13° edizione delle Porte Aperte è stata organizzata non più dall’Associazione dei Florovivaisti Marsalesi, che hanno comunque avuto un ruolo fondamentale di collaborazione attiva, bensì dall’Assessorato delle Risorse Agricole e Alimentari della Regione Sicilia. L’auspicio è ovviamente che questa connessione tra l’istituzione regionale e le realtà associative e imprenditoriali del territorio possa portare benefici e sensibilità verso un settore che, negli ultimi dieci anni è cresciuto in maniera molto significativa: sarebbe sufficiente visitare le aziende e i vivai per rendersene conto.

Come da tradizione, le Porte Aperte marsalesi, a fianco dei veri protagonisti, i florovivaisti e le loro produzioni, hanno dato modo, tramite una serie di convegni e incontri, di approfondire alcuni temi di grande importanza.

Novembre 2011

ROTTA DI NAVIGAZIONE:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *




Torna all'elenco degli articoli

ricerca-articoli Ricerca articoli

Bricoliamo ha un archivio di oltre 2000 articoli tra guide, tutorial, prove e consigli su giardinaggio e fai-da-te.
Utilizza la ricerca per trovare ciò che ti serve!