Bricoliamo.com

Eventi e fiere

Euroflora ritorna, viva Euroflora

Euroflora
Questo articolo è utile o potrebbe essere utile ai tuoi amici? Condividilo!

Dopo troppi anni di assenza finalmente ritorna Euroflora, la grande floralies italiana che dal 1966 al 2011 è stata, ogni cinque anni, un appuntamento irrinunciabile per operatori e appassionati di piante e fiori.

Dopo la decima e ultima edizione del 2011, Euroflora avrebbe voluto diventare la “porta verde” della grande Expo milanese, anticipando di un anno, il 2015, la propria cadenza naturale che avrebbe dovuto vedere l’organizzazione dell’undicesima edizione nel 2016.

Quello che però accadde fu che la “porta verde” dell’Expo non fu Euroflora ma FloraFirenze, fiera del florovivaismo alla sua prima, unica e dobbiamo dire, molto deludente edizione. Euroflora fu quindi annunciata per il 2017 per poi slittare al 2018.

Al di là di qualsiasi considerazione per noi amanti del verde quello che conta è che Euroflora torni in tutta la sua dirompente forza e bellezza. Chi ha visitato anche solo una volta Euroflora sa di cosa stiamo parlando: è una kermesse che rimane nella mente e nel cuore per sempre.

Ricordiamo peraltro che Euroflora è una delle più importanti floralies europee, riconosciuta dall’Association Internationale des Producteurs Horticoles, fa parte della Association of International Floralies.

Ma veniamo a questa undicesima edizione che si terrà dal 21 aprile al 6 maggio prossimi, non nel tradizionale quartiere fieristico di Genova, ma nel bellissimo scenario dei Parchi di Nervi: 86mila metri quadrati e 5 chilometri di percorsi tra giardini e ville storiche, affacciati sul mare. I parchi di Nervi sono un importante complesso botanico di Genova formati da un insieme di più parchi appartenuti in passato a ville private, tra cui Villa Gropallo, Villa Saluzzo Serra, Villa Grimaldi e altre.

Questa è la prima novità della nuova Euroflora: niente padiglioni, bensì i parchi storici di uno dei quartieri più belli di Genova, Nervi appunto.

Il progetto della manifestazione è stato presentato durante una conferenza stampa tenutasi il 31 gennaio scorso. Prima di tutto le dimensioni dell’evento: 86 mila metri quadrati, di cui 8.mila dedicati alle istallazioni, 17 mila agli espositori e un percorso di 5 chilometri.

Tale percorso sarà cadenzato da quattro “quadri”, grandi installazioni scenografiche realizzate con i colori e i profumi di fiori e piante.

Appena arrivati saremo accolti da una scenografia di benvenuto, un pattern di cerchi concentrici realizzato con alti fiori blu e bianchi e cime da barca.

I “QUADRI” DI EUROFLORA

Red Wave – Fuoco sarà il primo quadro, una distesa di fiori rossi, lingue di fuoco, in cui immergersi in un percorso avvolgente.

Wild Horses – Terra sarà il secondo, cavalli giganteschi al galoppo sul prato davanti a villa Grimaldi nei pressi delle scuderie storiche, sculture vegetali realizzate con la tecnica della mosaicoltura.

Il terzo quadro, Lago delle ninfee – Acqua, sarà uno specchio d’acqua perfettamente rotondo, ritagliato nel prato, su cui galleggiano tremolanti al vento ninfee bianche e rosa.

L’ultimo, Soffio del vento – Aria, sarà una grande scenografia tridimensionale che utilizza il principio dell’anamorfosi: la struttura si rivela man mano che ci si avvicina, per palesarsi nella sua interezza da una determinata angolazione panoramica.

500mila fiori coloratissimi formeranno grandi composizioni a contrasto con il verde dei prati e degli alberi secolari dei parchi. Le realizzazioni a cura dei florovivaisti, dei paesaggisti e dei partner istituzionali si prospettano come uno spettacolare paesaggio fiorito con un fondale d’eccezione: il mare.

Inoltre, specificano dall’organizzazione, sarà una Euroflora per tutti, progettata secondo i principi dell’universal design e dunque senza barriere architettoniche, una Euroflora inclusiva. Bambini e ragazzini potranno divertirsi in una vasta area giochi.

Come tradizione delle floralies Euroflora 2018 prevede l’organizzazione di concorsi destinati a tutti gli espositori e finalizzati a premiare le migliori partecipazioni italiane e straniere alla manifestazione. I concorsi, in totale circa centocinquanta, saranno suddivisi in concorsi di onore, concorsi estetici e concorsi tecnici.

PER I VISITATORI DI EUROFLORA

Essendo questa edizione di Euroflora in un luogo davvero particolare, possiamo già preannunciare alcune avvertenze che è bene sapere per programmare al meglio la visita.

Per prima cosa tenete conto che il numero di biglietti di ingresso disponibili sarà limitato a 20 mila unità. Per questo dal 10 febbraio è attiva la vendita on line nel sito di Euroflora, nella rete dei punti vendita Best Union Vivaticket e nelle agenzie di viaggio convenzionate.

Il biglietto comprende l’utilizzo delle navette e costa 23 euro. L’ingresso è gratuito per bambini fino a 8 anni, biglietto ridotto a 16 euro per i ragazzi dai 9 ai 16 anni e per l’accompagnatore del visitatore disabile.

Un altro aspetto importante riguarda il fatto che i parchi di Nervi saranno raggiungibili esclusivamente con i mezzi pubblici. Per questo saranno predisposti in ambito cittadino parcheggi di interscambio in piazzale Kennedy e aree all’interno del quartiere fieristico (altre aree sono in corso di definizione) con servizi navetta verso le stazioni ferroviarie per raggiungere la manifestazione in treno. Saranno intensificate le frequenze dei treni per e da Nervi e dei bus di linea negli orari di manifestazione. Allo studio infine, un servizio battelli per il collegamento tra l’area del Porto Antico e il porticciolo di Nervi.

Orari di apertura: Euroflora sarà aperta tutti i giorni da venerdì 21 aprile a domenica 6 maggio dalle 9 alle 19.30.

I PROTAGONISTI DELLA PRESENTAZIONE DI EUROFLORA

Eurolora è stata presentata il 31 gennaio scorso nel Salone di rappresentanza di Palazzo Tursi, sede del Comune di Genova. Relatori sono stati: il sindaco Marco Bucci, il presidente della Regione Liguria Giovanni Toti, il presidente della Camera di Commercio di Genova Paolo Odone, il project manager di Euroflora Rino Surace, il responsabile commerciale della Fiera di Genova,  l’architetto Egizia Gasparini, autrice del progetto e il Magnifico rettore dell’Università di Genova Paolo Comanducci.

A tracciare il quadro del settore Arturo Croci, tra i massimi esperti di florovivaismo italiano e internazionale e autore del libro sulla “Floricoltura Italiana”.

Tra i presenti il Soprintendente ai Beni Archeologici, Belle Arti e Paesaggio Vincenzo Tiné e il Segretario regionale del Mibact- Ministero dei beni e delle attività culturali e del turismo per la Liguria Elisabetta Piccioni.

Febbraio 2018

ROTTA DI NAVIGAZIONE:



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *




Torna all'elenco degli articoli

ricerca-articoli Ricerca articoli

Bricoliamo ha un archivio di oltre 2000 articoli tra guide, tutorial, prove e consigli su giardinaggio e fai-da-te.
Utilizza la ricerca per trovare ciò che ti serve!