Bricoliamo.com

Irrigazione

Installare un impianto di irrigazione senza fatica e senza danni al prato

irrigazione
Questo articolo è utile o potrebbe essere utile ai tuoi amici? Condividilo!

Chi possiede un giardino, anche se piccolo, sa perfettamente quanto sia importante irrigarlo, ogni giorno nella stagione estiva, per mantenerlo verde, sano e rigoglioso. La tradizionale canna dell’acqua e un po’ di tempo e pazienza tutti i giorni è certamente una soluzione, tranne quando ci si assenta per le ferie in agosto: al nostro ritorno l’erba gialla nel prato e le piante con le foglie tristemente abbassate come un disperso nel deserto non sono proprio un bello spettacolo.

L’installazione di un impianto di irrigazione è la soluzione a tutti i problemi: comodo, programmabile, funziona autonomamente all’ora che vogliamo e anche quando non ci siamo. Se si entra in una casa nuova con giardino è certamente consigliabile prevederlo da subito, prima di procedere alla semina dell’erba. Se invece abitiamo in una casa dove esiste già un giardino bello e fiorente ma sprovvisto di impianto di irrigazione, ecco che il problema non è da poco. Fare lo scavo, interrare il tubo, richiudere lo scavo e riseminare l’erba è un lavoro impegnativo che, per di più, ci costringe ad aspettare una stagione per riavere il giardino in ordine.

Per i giardini di piccole dimensioni esiste una soluzione: si chiama Colibrì System ed è stata progettata dalla Claber. Il vantaggio straordinario sta proprio nell’installazione, perché non serve fare uno scavo per ospitare il tubo ma è sufficiente tracciare un solco con la lama di una vanga lungo il percorso che deve fare il tubo e far oscillare la lama stessa aprendo nel terreno una piccola fessura. Sarà questa la fessura in cui andrà inserito il particolare tubo da 1/2″ del Sistema Colibrì, per poi richiudere il tutto semplicemente calpestando l’area. Questo significa che nel giro di pochi giorni nessuno si accorgerà dell’intervento. Davvero niente male.

Il Sistema Colibrì è consigliato da Claber per giardini con una superficie compresa tra 50 e 200 metri quadrati, in realtà sappiamo anche di installazioni su superfici più ampie, fino a 500 metri quadrati. Anche per quanto riguarda la pressione dell’acqua Colibrì si accontenta di poco, infatti funziona anche con una pressione d’esercizio di 1,5 bar.

Luglio 2016

ROTTA DI NAVIGAZIONE:



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *




Torna all'elenco degli articoli

ricerca-articoli Ricerca articoli

Bricoliamo ha un archivio di oltre 2000 articoli tra guide, tutorial, prove e consigli su giardinaggio e fai-da-te.
Utilizza la ricerca per trovare ciò che ti serve!