Bricoliamo.com

Conoscere l’Acero

Questo articolo è utile o potrebbe essere utile ai tuoi amici? Condividilo!

Albero originario dell’Europa centromeridionale, l’acero è diffuso in Italia in sei differenti specie: campestre, montano, riccio, minore, napoletano e acero-fico.Nel mondo le specie arrivano in totale a 150. Il nome latino “acer” (appuntito) allude alla forma delle sue caratteristiche foglie, che sono anche il simbolo della bandiera canadese. In francese si chiama “erable”, in inglese “maple”, in tedesco “ahorn”. Cresce sporadico o a piccoli gruppi, in boschi di altre essenze e migliora la fertilità del suolo.

In aprile tutti gli aceri fioriscono: i mazzetti giallo-verdastri dei suoi fiori melliferi spuntano prima delle foglie, così ricomincia la luce promettente della vegetazione nuova. Più di tutto sono però affascinanti i suoi frutti, le samare: due ali simmetriche con nervature da libellula, che portano alla base un frutto ciascuna: Si staccano quando sono mature, cominciano a vorticare nel vento (proprio grazie alla loro struttura) e frullano finché piombano a terra impiantandosi.

Il suo legno è da amatori: robusto e molto usato negli interni per arredare, per pavimenti e mobili; è apprezzato anche per usi specialistici, innanzi tutto dai liutai. Per lunga tradizione il fondo e il fianco di chitarre e violini si impreziosiscono con le splendide marezzature dell’acero (vene a onde parallele e strette, il cosiddetto frisé). Il manico degli strumenti ad arco è spesso costruito in acero perché non si storti e resista all’usura.

La sua caratteristica resistenza è sfruttata anche per realizzare la pavimentazione di tutte le piste da bowling nel mondo. Ovunque serva un legno compatto, resistente agli urti o a tensione interna, l’acero è l’ideale.

CARTA D’IDENTITA

GENERE acer
SPECIE acer pseudoplatanus o montana o lappone o sicomoro
FAMIGLIA areale; su Alpi e Appennini sino a 1.900 mt di altitudine; richiede clima fresco, terreno fresco e profondo
LONGEVITA’ cresce rapidamente fino a 30 anni; vive fino a 200 anni; si taglia dopo i 60 anni
DIMENSIONE fino a 30 mt di altezza
FOGLIE, FRUTTI, FIORI foglie: palmato lobate a 5 lobi
frutti: due samare divergenti a circa 90°
fiori: inflorescenza pendula
CORTECCIA grigiastra; si desquama con l’età
LEGNO fibratura: fine, compatta e diritta
colore: da bianco-rosato ad avorio madreperlaceo
durame: con vene rosso scuro nel cuore del tronco
LAVORABILITA’ taglio facile; tornitura; intarsio
FINITURA ottima la lucidatura
RITIRO abbastanza alto con la stagionatura
DURABILITA’ marcisce facilmente se esposto alle variazioni atmosferiche esterne
IMPIEGHI ebanisteria; torneria fine (canne da biliardo, manici di strumenti musicali); mobili; pavimenti; articoli sportivi
REPERIBILITA’ COMMERCIALE tranciati e piallacci; tavolame; listoni da parquet
CRESCITA areale; su Alpi e Appennini sino a 1.900 mt di altitudine; richiede clima fresco, terreno fresco e profondo

Rotta di navigazione

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *




Torna all'elenco degli articoli

ricerca-articoli Ricerca articoli

Bricoliamo ha un archivio di oltre 2000 articoli tra guide, tutorial, prove e consigli su giardinaggio e fai-da-te.
Utilizza la ricerca per trovare ciò che ti serve!