Coltivare il cetriolo

Il cetriolo è una pianta annuale, il che significa che una volta dati i frutti desiderati si deve procedere alla pulizia del terreno, che non potrà essere riutilizzato per la coltivazione di altri cetrioli se non dopo due o tre anni. Il terreno preferito dal cetriolo è ben lavorato, leggermente acido e trattato con letame qualche settimana prima della semina. Riguardo alla concimazione, oltre a quella preventiva di cui abbiamo parlato, è bene prevedere concimazioni ricche di fosforo e azoto una volta che le piantine sono germogliate e hanno raggiunto un’altezza intorno ai 15-20 centimetri.

La semina si effettua tra aprile e maggio. I cetrioli preferiscono climi tendenzialmente caldi e con umidità costante e amano stare vicini (consociazione) a lattuga, piselli, ravanelli, fagioli e cavoli, detestano le patate e le erbe aromatiche. Per la semina tracciate sull’aiuola destinata ai cetrioli delle file distanti circa 1 metro l’una dall’altra. In queste file, a distanza di circa 50 centimetri fate delle piccole fossette profonde una decina di centimetri e, in ciascuna di queste mettete una piccola quantità di letame e tre o quattro semi di cetriolo. A germinazione avvenuta è importante procedere con il giusto diradamento: eliminate le piantine meno promettenti e lasciate solo le più forti.

Quando la germinazione sarà avanzata bisogna eseguire una cimatura potando l’apice vegetativo sopra la quarta foglia ed eliminando i getti laterali. Quando la pianta avrà raggiunto un’altezza di 20-25 centimetri è il momento di decidere se lasciarla sviluppare raso terra in maniera strisciante oppure se sorreggerla per uno sviluppo verticale con un bastone di legno lungo e robusto (in modo da reggere agevolmente la pianta anche all’apice della sua crescita). Legate il fusto della pianta al bastone con le fascette o il filo specifico per questo tipo di intervento in modo da non danneggiare la pianta. Noi preferiamo e quindi suggeriamo lo sviluppo verticale, più ordinato, più semplice da gestire e più comodo al momento della raccolta dei cetrioli.

L’irrigazione del cetriolo deve essere frequente, durante i giorni di massimo caldo estivo tutti i giorni, avendo cura di non creare mai ristagni d’acqua. La raccolta dei frutti è costante per almeno un paio di mesi. Un consiglio: cogliete i cetrioli prima che abbiano raggiunto il loro massimo sviluppo.

Rotta di navigazione

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *



Questo articolo ti è stato utile o potrebbe essere utile ai tuoi amici? Condividilo!

Torna all'elenco degli articoli

ricerca-articoli Ricerca articoli

Bricoliamo ha un archivio di oltre 2000 articoli tra guide, tutorial, prove e consigli su giardinaggio e fai-da-te.
Utilizza la ricerca per trovare ciò che ti serve!