La-stanza-di-desy-decorazione-creatività

Polistirolo a colori

polistirolo
Decorare con il polistirolo

A cura di Desirèe Duca

Un quadretto in 3D è un’idea molto carina per personalizzare la cameretta di un bimbo o come regalo per l’arrivo di un nuovo bebè. Naturalmente, con lo stesso procedimento, si possono realizzare altre divertenti personalizzazioni, dedicate alle altre stanze della casa.

Il materiale a cui ho assegnato il ruolo da protagonista è il polistirolo, facile da utilizzare e leggero. Il bello è che costa anche poco e, grazie alla sua leggerezza, permette di realizzare creazioni di svariate dimensioni, anche grandi, per poi appenderle senza problemi.

Nel mio caso ho deciso di creare un quadretto per la cameretta della mia bimba.

Punto di partenza è una tavoletta di legno, avanzata dal materiale usato per costruire le mensole della sua libreria.

L’idea è quella di creare un quadretto con forme in rilievo a più spessori, in modo da rendere più dinamico il risultato finale e stimolando la percezione dello spazio dei bambini.

Come sempre ecco il filmato con tutte le fasi di lavorazione. Tutti i dettagli invece li trovate nel seguito di questo articolo.

Materiali:

  • Base di legno (nel mio caso 30X42), alta 1, 2 cm
  • Lastra di Polistirolo, acquistata da Leroy Merlin per 1,05 €
  • Taglia polistirolo Kemper mod. 1650
  • Colori acrilici o tempere
  • Cartoncini sottili
  • Colla a caldo
  • Matita, gomma, riga, forbici, pennarello indelebile, gancini adesivi.

Il tema del nostro quadretto

Potete anche dipingere un fondale sulla tavoletta per rendere più colorato il quadretto. Io ho preferito mantenere la superficie del legno naturale, come i mobili della cameretta.

Potete anche utilizzare una tavoletta di polistirolo come base e dipingere il nome, o crearlo con il polistirolo lettera per lettera; risulterà più leggero ma, ovviamente, sarà meno resistente.

Il passaggio successivo è tracciare sulla tavoletta, con matita e riga, il binario guida per scrivere in modo preciso il nome del bimbo.

Abbozziamo il nome con la matita e, quando il risultato vi soddisfa, marcatelo un po’ di più, ci servirà come guida per poterlo ripassare con il pennarello indelebile.

Fatta la scritta, sappiamo quanto spazio ci rimane da poter riempire con i decori.

Sul cartoncino disegniamo le forme stilizzate che abbiamo scelto. Potete anche stamparle e semplicemente ricalcarle; è importante scegliere forme semplici e ben definite.

Nel mio caso ho preparato le mascherine di albero, erba, ranocchia, sole e nuvoletta, perché volevo ispirarmi ad un bel paesaggio estivo.

Oltre alle sagome base, ho aggiunto delle maschere per le parti che voglio raddoppiare, creando così più livelli.

L’ideale è scegliere solo alcune parti o solo alcuni particolari delle sagome da raddoppiare così da avere un bell’effetto 3D.

Controllate che le diverse sagome vadano bene come dimensione e, se necessario, riadattatele più volte finché saranno sistemate nel quadretto.

Passiamo al polistirolo.

Per prima cosa è bene sapere che tagliare il polistirolo può apparire un’operazione complessa, soprattutto se parliamo di spessori superiori a 1-2 cm.

Usando il taglierino si possono ottenere tagli dritti, ma per le curve è diverso e, con spessori più importanti, anche il taglierino fa molta fatica e non si riescono ad ottenere tagli regolari.

Per fortuna esiste il tagliapolistirolo che, insieme alla colla a caldo, non può mancare nel kit dell’hobbista decoratore.

Ho usato il set Kemper 1650. Costa poco meno di 30 euro ed è molto semplice da utilizzare; si riscalda in pochi secondi ed è perfetto per ritagliare le nostre sagome.

Ricalchiamo le nostre mascherine sulla lastra di polistirolo e ritagliamo la sagoma utilizzando le varie punte del taglia polistirolo.

Possiamo anche rifinire con precisone, usando l’archetto mentre per arrotondare per bene gli spigoli è necessaria una leggera passata di carta abrasiva medio-fine.

Lavorate con calma, non abbiate fretta di tagliare o rischierete di creare imperfezioni nella sagoma.

Coloriamo

Una volta pronte tutte le sagome, abbozziamo il disegno, provando a posizionare i pezzi e verifichiamo che la scritta con il nome non venga coperta dalle sagome.

A questo punto passiamo a decorarle con tempere o acrilici.

Lasciamo asciugare un’oretta; ci metterà anche meno se è una bella giornata soleggiata.

Nel frattempo possiamo decorare la tavoletta di legno e ricalcare il nome con un pennarello indelebile, potete farlo anche a pennello, con acrilici, se siete abili nel dipingere.

Assembliamo

Quando i pezzi sono completamente asciutti possiamo incollare le varie parti, utilizzando la colla a caldo.

Ora, non resta che attaccare i gancini sul retro e il quadretto è pronto.

Maggio 2017

ROTTA DI NAVIGAZIONE:

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *



Questo articolo ti è stato utile o potrebbe essere utile ai tuoi amici? Condividilo!

Torna all'elenco degli articoli

ricerca-articoli Ricerca articoli

Bricoliamo ha un archivio di oltre 2000 articoli tra guide, tutorial, prove e consigli su giardinaggio e fai-da-te.
Utilizza la ricerca per trovare ciò che ti serve!