Bricoliamo.com

Piastrelle in gres per esterni

Questo articolo è utile o potrebbe essere utile ai tuoi amici? Condividilo!

Per le pavimentazioni esterne, siano esse di un terrazzo, di un portico o quant’altro, uno dei materiali più comuni da utilizzare e il gres, o meglio le piastrelle in gres, cioè che sono state trattate con il processo di greificazione, che consiste nella saldatura dei granuli delle argille naturali tra loro, in modo da ottenere un sostanziale aumento della resistenza meccanica e dell’impermeabilità. La greficazione si ottiene ad una temperatura compresa tra i 1.200 e i 1.350 gradi centigradi. Le piastrelle in gres si dividono in due grandi famiglie: il gres tradizionale e quello ceramico o porcellanato.

Il gres tradizionale, che può anche essere decorato, si presenta nel suo caratteristico colore rosso. E’ il tipo di gres più diffuso, ha una durata praticamente eterna ed è anche uno dei rivestimenti più economici che esistono sul mercato.

Il gres ceramico, meglio conosciuto come porcellanato, è dotato di un supporto bianco smaltato in monocottura a 1250 gradi centigradi. E’ più decorativo di quello tradizionale e, anche se ha una durata di poco inferiore al precedente, assicura una maggiore praticità di pulizia.

Naturalmente la prima qualità della piastrella per esterni è l’impermeabilità: se l’acqua penetra la piastrella si gonfia e si spezza, specialmente in inverno quando l’acqua, gelando, aumenta di volume. A questo proposito vi indichiamo qualche trucco del mestiere per stabilire il livello di qualità e di impermeabilità della piastrella che state acquistando. Pesate, a campione (per esempio una per scatola), le piastrelle che avete scelto, poi ponetele a bagno in un recipiente pieno d’acqua per mezz’oretta. Ripesatele e maggiore sarà l’aumento di peso della piastrella e minore sarà la garanzia di impermeabilità all’acqua. Un metodo ancora più empirico, che ci proviene dall’esperienza artigiana, ci dice che una piastrella di gres più è rossa e meno assorbe.

COME PULIRE LE PIASTRELLE IN GRES

Per la pulizia delle piastrelle in gres, sia esso tradizionale come, più semplice, porcellanato, esistono in commercio svariati prodotti specifici estremamente efficaci. Se però volete ricorrere ai vecchi metodi della nonna eccovi qualche suggerimento. Il primo trattamento in caso di macchie e di sporco sul gres tradizionale prevede l’uso di uno straccio imbevuto di acido muriatico e acqua in percentuale di 7 parti di acqua e 3 di acido. Aggiungete l’acido nell’acqua e non viceversa e soprattutto proteggete le mani con un buon paio di guanti.

Dopo aver pulito con la miscela di acqua e acido muriatico, lavate il pavimento con acqua e asciugatelo. Se il risultato ottenuto non vi avrà soddisfatto potrete stendere sul pavimento una mano di olio paglierino, che si trova normalmente nei colorifici, il quale farà risaltare le tonalità del gres.

Non usate mai l’acido muriatico se le piastrelle da pulire sono in gres porcellanato perché rovinereste irrimediabilmente il vostro pavimento. In caso di necessità limitatevi ad usare acqua e aceto.

ROTTA DI NAVIGAZIONE:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *




Torna all'elenco degli articoli

ricerca-articoli Ricerca articoli

Bricoliamo ha un archivio di oltre 2000 articoli tra guide, tutorial, prove e consigli su giardinaggio e fai-da-te.
Utilizza la ricerca per trovare ciò che ti serve!