QUANDO BISOGNA RICHIEDERE LA D.I.A.

L’amico Tommy da Roma ci chiede “se per la riparazione di un tetto in tegole e la loro parziale sostituzione è sufficiente la Denuncia di Inizio Attività (D.I.A.)“.  Innanzitutto bisogna dire che la D.I.A., introdotta con l’articolo 19 della legge n. 241/1990, deve essere tendenzialmente richiesta per interventi di manutenzione straordinaria e non ordinaria. Quindi per il caso di Tommy che riguarda la parziale sostituzione delle tegole del tetto, quindi un’opera di manutenzione ordinaria, non è necessario richiedere alcun titolo abilitativo. La D.I.A. è richiesta per il rifacimento totale di un tetto con tegole diverse dalle precedenti.

Cogliamo l’occasione per riassumere i principali interventi riguardanti i muri, i pavimenti e i soffitti, che necessitano della D.I.A. e di quelli che invece non hanno bisogno di alcun titolo abilitativo.

OCCORRE PRESENTARE LA D.I.A.

  • Rifacimento intonaci e tinteggiature esterne con colori diversi da quelli esistenti
  • Rifacimento totale del tetto a spiovente, con tegole di diverso tipo
  • Rifacimento cornicioni e frontalini
  • Consolidamento delle fondazioni dell’edificio
  • Rafforzamento con nuovi elementi di sostegno di parti strutturali
  • Rifacimento vespai e scannafossi

NON E’ NECESSARIO ALCUN TITOLO ABILITATIVO

  • Rivestimenti e tinteggiature di parti esterne senza modifiche di ornamenti, materiali utilizzati e colori
  • Rifacimento pavimentazioni esterne del cortile, di balconi e terrazze, di lastrici solai, con materiali del medesimo tipo
  • Sostituzioni di tegole, canali di scolo e rinnovo delle impermeabilizzazioni esterne
  • Consolidamento cornicioni
  • Impermeabilizzazione di lastrici solai e pavimenti del cortile
  • Opere di manutenzione ordinaria nei locali interni, salvo l’alloggio del portiere

Per il caso sottoposto da Tommy non è necessario, però per casi più controversi è bene informarsi sui decreti legge della propria Regione atti a mettere in pratica la legge dello Stato. Le Regioni in taluni casi hanno regolamentato aspetti sostanziali relativi alle certificazioni e quindi alla D.I.A., però non dovrebbero mai essersi allontanate dal Testo Unico per l’Edilizia emanato per decreto (nr. 380) dal Presidente della Repubblica il 6 giugno 2001.

Marzo 2006

Rotta di navigazione

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *



Questo articolo ti è stato utile o potrebbe essere utile ai tuoi amici? Condividilo!

Torna all'elenco degli articoli

ricerca-articoli Ricerca articoli

Bricoliamo ha un archivio di oltre 2000 articoli tra guide, tutorial, prove e consigli su giardinaggio e fai-da-te.
Utilizza la ricerca per trovare ciò che ti serve!