Search form

Verniciare il legno

verniciatura-legno-a
Questo articolo ti è stato utile o potrebbe essere utile ai tuoi amici? Condividilo!

La verniciatura di una porta, una finestra o di qualsiasi altro manufatto in legno è operazione semplice e divertente. Assai più noiosa, ma assolutamente necessaria, è la preparazione della superficie prima della verniciatura.

Se il legno che vogliamo verniciare è nuovo e quindi non è mai stato trattato, è sufficiente passare con della carta vetrata su tutta la superficie avendo l’accortezza di seguire sempre le venature. Se presentasse delle colature di resina, dovranno essere rimosse utilizzando uno straccio imbevuto di acquaragia.

Dopo aver spolverato e pulito con cura la superficie siamo pronti per procedere con la verniciatura.

Per prima cosa ci serve un pennello che deve essere di ottima qualità e con le setole morbide e compatte in modo che non si stacchino mai dal pennello durante la verniciatura. I pennelli in commercio possono essere in setola animale, da usare con gli smalti e i prodotti diluiti a solvente; in setola sintetica, adatta per gli smalti all’acqua oppure mista, particolarmente indicata per il legno.

Veniamo ora alla verniciatura vera e propria. Esistono in commercio molti prodotti specifici per il legno: dagli smalti colorati, al tradizionale flatting trasparente, agli impregnanti con le colorazioni delle varie essenze di legno. Le due grandi categorie in cui possiamo suddividerli sono: le vernici coprenti, che fanno una pellicola robusta sopra la superficie in legno e gli impregnanti, che invece vengono assorbiti dal legno senza fare nessuna pellicola superficiale. La scelta si basa fondamentalmente sul gusto personale, ferma restando un’attenta consultazione delle caratteristiche tecniche riportate sulla confezione. Soprattutto per l’esterno io preferisco usare un buon impregnate, che, non facendo pellicola non sfoglia anche se esposto agli agenti atmosferici.

Prima di applicare il prodotto di finitura che avrete scelto, potrebbe essere importante dare una prima mano di protettivo, fungicida e insetticida, soprattutto se si tratta di un manufatto che andrà all’esterno o in un ambiente particolarmente umido, per esempio la cantina.

Sia l’impregnante che lo smalto devono essere stesi intingendo il pennello solo a metà, facendolo sgocciolare, pennellando sulla superficie sempre nello stesso senso, per intingere nuovamente il pennello solo quando è asciutto. Un eccesso di vernice può provocare fastidiose colature. Terminata l’applicazione della prima mano bisogna aspettare la perfetta asciugatura della vernice. Il tempo e le modalità di asciugatura sono sempre riportate sulla confezione del prodotto che avrete usato. Nel caso fosse necessaria una seconda mano tenete conto che, sempre, tra una mano e l’altra, occorre un passaggio con della carta vetrata fine per ravvivare il cosiddetto pelo del legno.

Un lavoro semplice da eseguire ma che se fatto con cura offre una grande soddisfazione finale.

ROTTA DI NAVIGAZIONE:

Questo articolo ti è stato utile o potrebbe essere utile ai tuoi amici? Condividilo!

Torna all'elenco degli articoli

Ricerca articoli

Bricoliamo ha un archivio di oltre 2000 articoli tra guide, tutorial, prove e consigli su giardinaggio e fai-da-te.
Utilizza la ricerca per trovare ciò che ti serve!