La pulitura del legno

Questo articolo ti è stato utile o potrebbe essere utile ai tuoi amici? Condividilo!

La pulitura è la prima e indispensabile operazione che si deve eseguire quando si vuole ripristinare un vecchio o antico mobile in legno, recuperato nella soffitta della zia o in uno dei tanti mercatini che esistono in Italia.

Il primo aspetto di cui si deve tenere conto è la delicatezza e la “sensibilità” del legno (un materiale che molti considerano “vivo“), quindi qualsiasi intervento deve essere effettuato con i prodotti giusti, con gli utensili giusti e con un’attenzione particolare. Questo approccio vale ancora di più quando si parla di pulitura: riponete nella cassetta degli attrezzi raschietti, spatole o altri utensili del genere e cominciate da un’attenta osservazione dello stato di salute del legno.

Se la struttura è buona e la colorazione della superficie del mobile è intatta, sarà sufficiente una buona passata con una spugna e una semplice soluzione di acqua e sapone di Marsiglia. Se lo sporco accumulatosi nel tempo fosse particolarmente diffuso e ancorato alla superficie del legno, si dovrà procedere, prima tamponando e poi strofinando delicatamente su tutto il mobile un panno morbido imbevuto di una soluzione di alcool etilico (un litro), polvere di pomice (200 grammi) e qualche goccia di olio di lino. Nel caso infine fossero presenti sul legno dei sedimenti di cera vecchia, si possono asportare utilizzando una soluzione di trementina e polvere di pomice.

 

Rotta di navigazione


Questo articolo ti è stato utile o potrebbe essere utile ai tuoi amici? Condividilo!

Torna all'elenco degli articoli

ricerca-articoli Ricerca articoli

Bricoliamo ha un archivio di oltre 2000 articoli tra guide, tutorial, prove e consigli su giardinaggio e fai-da-te.
Utilizza la ricerca per trovare ciò che ti serve!