Bricoliamo.com

IL COLORE GIUSTO: PAROLA DI MAX MEYER

Questo articolo è utile o potrebbe essere utile ai tuoi amici? Condividilo!

Scegliere il colore giusto per la propria casa e per ogni singolo ambiente non sempre è semplicissimo. Sappiamo che il colore degli ambienti in cui viviamo incide fortemente sul nostro assetto psicologico, fisiologico e sul nostro umore. Esistono studi specifici ed estremamente interessanti sull’argomento, tuttavia noi normali consumatori non siamo tenuti ad un lavoro di approfondimento culturale così impegnativo. Per questo motivo segnaliamo l’impegno di Max Meyer, marchio storico del settore colori e vernici, nello studio e nella produzione di due prodotti, Equilibra, per le cucine e Veltia, per soggiorni e camere, che vogliono dare un contributo determinante nella scelta del colore giusto per ogni ambiente. Il fattore interessante di questa esperienza sta nello studio fatto dai ricercatori Max Meyer per ridurre il numero di colori da suggerire al consumatore, dalle migliaia possibili, usando per esempio il tintometro, ad alcune decine attentamente studiate sulla base delle tendenze colore manifestate nelle nostre case e nei nostri arredamenti. Per saperne di più abbiamo intervistato Roberto Manicardi, marketing manager di Max Meyer.

“Nelle mie presentazioni ho sempre inquadrato la problematica del colore all’interno di una piramide, dove alla base sono posti gli innumerevoli colori che oggi è possibile produrre e al vertice il colore che serve al nostro consumatore. Un unico colore, diverso ogni volta sulla base di ogni singola esigenza, ma unico.”

“Arrivare a questo unico colore – continua Manicardi – è frutto di un percorso di anni che in poche parole posso riassumere ricordando l’avvento del tintometro prima, dello spettrofotometro poi e dell’attualissimo Fisiocolor System, che progettammo in Max Meyer circa 4 anni fa in funzione di una scelta consapevole del colore basata anche sugli effetti fisiologici che il colore stesso, in quanto energia, può avere sul nostro corpo e sul nostro stato d’animo.”

“Quello del Fisiocolor system è stato un passo importante di avvicinamento al vertice della piramide, anche se il consumatore faceva ancora un po’ di fatica a scegliere perché, di fatto, non riuscivamo ancora a dirgli “questo è il tuo colore“. Questo ulteriore passo lo abbiamo fatto con i due ultimi prodotti proposti da Max Meyer, cioè Equilibra, pittura murale per le cucine e Veltia, per soggiorni e camere.”

“Sono prodotti che sono costati un anno di lavoro – spiega Manicardi – insieme all’architetto Isabella Romanello, una dei più grandi esperti che abbiamo in Italia sul tema “habitat, colore e psicologia“.  Per arrivare a Equilibra, ma la medesima prassi è stata seguita anche per Veltia, abbiamo raccolto tutti i cataloghi di mobili per cucine riuscendo a stabilire una serie di 17 colori, suddivisi in nove gruppi, che rappresentano il 90% della casistica colore riscontrata nell’offerta dei mobilieri. Sulla base di questa divisione, abbiamo potuto abbinare a ciascuno dei nove gruppi quattro o cinque colori di riferimento con cui dipingere le pareti seguendo le logiche del gusto, ma anche quelle legate agli effetti del colore sulla fisiologia e sulla psicologia umana. In questo modo ritengo che con Max Meyer siamo arrivati al vertice della piramide, dando un supporto preciso, puntuale e sicuro ai nostri consumatori in sede di scelta del prodotto. Naturalmente da un punto di vista tecnico stiamo parlando di prodotti eccellenti e di altissima qualità.”

L’intervista è stata realizzata il 28 luglio 2004

ROTTA DI NAVIGAZIONE:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *




Torna all'elenco degli articoli

ricerca-articoli Ricerca articoli

Bricoliamo ha un archivio di oltre 2000 articoli tra guide, tutorial, prove e consigli su giardinaggio e fai-da-te.
Utilizza la ricerca per trovare ciò che ti serve!