La moquette tra vantaggi e svantaggi

moquette
Moquette: Vantaggi e svantaggi

La moquette è probabilmente il tipo di pavimentazione più discusso e controverso: da un lato è gradevole sia alla vista che al tatto, è facile da posare, è tendenzialmente economica e consente un livello di finitura del locale sicuramente apprezzabile; dall’altro  è spesso aspramente criticata per la sua breve durata nel tempo (massimo 10 anni), ma soprattutto per l’impegno che richiede in termini di manutenzione e pulizia e quindi per le scarse garanzie igieniche che può offrire.

I tipi di moquette esistenti in commercio sono svariati ma possono essere compresi in tre grandi famiglie:

le moquette bouclé, dotate di sottofondo in lattice o juta, sono caratterizzate da una tessitura a ciuffi ricurvi che rendono la superficie particolarmente morbida e cedevole al passaggio. Essendo piuttosto delicata il suo utilizzo è consigliato nelle camere da letto o comunque in locali di basso traffico.

Le moquette velour, che su un robusto sottofondo in juta o in lattice presentano una superficie con ciuffi dritti, in materiale naturale o sintetico di spessore variabile. Si può trovare in commercio in molti disegni e colori. La sua durata è piuttosto elevata anche se dipende dalla lunghezza dei ciuffi e dal materiale di cui è costituita.
 
Gli agugliati fanno parte della famiglia dei rivestimenti tessili e delle moquette. Vengono da esse distinte perché le loro caratteristiche tecniche e il loro scarso valore estetico li rendono adatti fondamentalmente per ambienti di grande passaggio (ingressi, corridoi, ecc.). Sicuramente l’utilizzo di questo tipo di pavimentazione, peraltro molto dimesso (0,5% del mercato totale), è orientato agli uffici e ai luoghi pubblici molto più che alle abitazioni.

In termini generali l’utilizzo della moquette è sconsigliabile in abitazioni frequentate da persone sensibili ad allergie perché la difficoltà di pulizia può determinare diversi inconvenienti quali: ristagni di umidità alla base del rivestimento, con conseguente proliferazione di muffe e microrganismi, oppure, nel caso di una pulizia a secco, l’emissione di Voc (composti organici volatili, come gli idrocarburi clorurati, gli idrocarburi aromatici, gli alcani, i terpeni, ecc.). Inoltre, in particolare le moquette sintetiche determinano una forte elettrostaticità dell’aria e, come tutte le superfici soffici, assorbono inquinanti (fumo di sigaretta, odori stagnanti, ecc.) per rilasciarli lentamente nel tempo a seguire.

ROTTA DI NAVIGAZIONE:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *



Questo articolo ti è stato utile o potrebbe essere utile ai tuoi amici? Condividilo!

Torna all'elenco degli articoli

ricerca-articoli Ricerca articoli

Bricoliamo ha un archivio di oltre 2000 articoli tra guide, tutorial, prove e consigli su giardinaggio e fai-da-te.
Utilizza la ricerca per trovare ciò che ti serve!