Il linoleum, un materiale naturale

pavimento
Il linoleum, un materiale naturale

Il linoleum fu messo a punto in Inghilterra nel 1863 e nell’arco dei 20 anni successivi, fu prodotto industrialmente come materiale di impiego universale. Il suo nome deriva dal suo ingrediente principale, l’olio di semi di lino che viene sottoposto a un processo di ossidazione in miscela con resine di origine naturale. Altri ingredienti base del linoleum sono gli inerti: la farina di sughero, che dona all’impasto elasticità, resistenza all’abrasione e capacità isolante, la farina di legno, che aumenta la resistenza e agisce come schiarente, i pigmenti sbiancanti e i coloranti. L’impasto omogeneo così ottenuto viene pressato su supporti di juta e poi fatto essiccare per diverse settimane.

Il periodo di stagionatura (permanenza in magazzino) ne determina la qualità, in quanto è in questo tempo che il linoleum completa l’emissione dei componenti allergizzanti.

Per queste sue caratteristiche produttive il linoleum deve essere considerato un materiale naturale ed ecologico, infatti esso è inerte, esente da emissioni nocive, isolante, elastico, di semplice pulizia e tendenzialmente economico. Non solo, la continua ossidazione dell’olio di lino determina una particolare caratteristica battericida che inibisce la crescita dello Staphilococcus Aureus, un batterio che contamina assai spesso i locali interni alle case.

ROTTA DI NAVIGAZIONE:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *



Questo articolo ti è stato utile o potrebbe essere utile ai tuoi amici? Condividilo!

Torna all'elenco degli articoli

ricerca-articoli Ricerca articoli

Bricoliamo ha un archivio di oltre 2000 articoli tra guide, tutorial, prove e consigli su giardinaggio e fai-da-te.
Utilizza la ricerca per trovare ciò che ti serve!