Bricoliamo.com

Come evitare fughe di calore dalle finestre

Questo articolo è utile o potrebbe essere utile ai tuoi amici? Condividilo!

Come abbiamo più volte sottolineato e ricordato il risparmio dell’energia è sempre di più un dovere di tutti, in primo luogo in una logica di tutela dell’ambiente. Ma come sappiamo molto bene non solo. L’energia costa, e costa sempre di più, quindi consumarne meno significa spendere meno. Il riscaldamento dell’ambiente e dell’ acqua, in una casa mediamente normale, costa circa 1.600 euro ogni anno. Alcune ricerche effettuate denunciano che ben il 75% dell’energia consumata per il riscaldamento domestico in Italia viene dispersa da muri, porte, finestre e tetti non isolati.  Un’enormità.

Sappiamo che intervenire con un lavoro di isolamento strutturale di tetto e pareti può essere un lavoro impegnativo e costoso, quindi in questa sede ci limitiamo a prendere in considerazione le finestre che, peraltro, contribuiscono per il 27% nella dispersione di calore. Anche in questo caso la sostituzione delle finestre può essere un investimento impegnativo, però in questo caso esiste una soluzione economica e ampiamente sperimentata: alludiamo ai profili adesivi per sigillare gli infissi.

Il prodotto più famoso e utilizzato da tante generazioni è il profilo sigillante per infissi Tesamoll, prodotto dalla Tesa. L’azienda tedesca ha fatto testare Tesamoll da due diversi istituti di ricerca, i quali hanno verificato il potenziale di risparmio energetico dei profili. Il risultato è stato sorprendente: il risparmio sui costi energetici, in condizioni normali, arriva fino al 20% ma quando le finestre da trattare presentano fessure particolarmente importanti si può arrivare ad un risparmio del 35,40% sulla bolletta dell’energia.

L’applicazione di questi profili è semplicissima: basta pulire con cura il bordo da isolare e applicare il profilo adesivo tagliato nella giusta misura. L’unica avvertenza riguarda la scelta del profilo giusto all’atto dell’acquisto. Per fessure dallo spessore compreso tra 1 e 3,5 millimetri è consigliabile usare il profilo Tesamoll a E, mentre per quelle da 2 a 5 millimetri è consigliabile quello a P. Nel caso le fessure fossero irregolari e si creasse la difficoltà di far aderire perfettamente il profilo, il suggerimento è quello di usare la guarnizione in schiuma Tesamoll, per fessure fino a 5 millimetri.

Infine ricordiamoci sempre che a fronte di un risparmio energetico corrisponde sempre una riduzione delle emissioni di sostanze inquinanti nell’ambiente.

Settembre 2011

ROTTA DI NAVIGAZIONE:

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *




Torna all'elenco degli articoli

ricerca-articoli Ricerca articoli

Bricoliamo ha un archivio di oltre 2000 articoli tra guide, tutorial, prove e consigli su giardinaggio e fai-da-te.
Utilizza la ricerca per trovare ciò che ti serve!